SECAB Società Cooperativa

Multimedia

torna all'elenco
News
27 Luglio 2021

Messaggero Veneto - Pittino nuovo presidente della cooperativa Secab «Più dialogo con i soci»

Messaggero Veneto

27/07/2021, 41 Nazionale

 

Pittino nuovo presidente della cooperativa Secab

«Più dialogo con i soci»

 

Francesco Mazzolini / Paluzza

È Ennio Pittino il nuovo presidente della Secab di Paluzza, cooperativa energetica dell'Alto But. Paluzzano classe 1955 e già vicepresidente dal 2019 si prepara a guidare la società affiancato dal neo eletto vice Imler Casanova, di Ravascletto. Il cda per eleggere i vertici della cooperativa si era riunito nei giorni scorsi, dopo l'approvazione da parte della 110ª assemblea dei soci, del bilancio 2020 e del rinnovo del collegio sindacale interno. Le indicazioni del nuovo direttivo mirano a promuovere la continuità su tutte le iniziative già intraprese precedentemente, orientate al rinnovo delle centrali idroelettriche di proprietà e di altre iniziative "green" in corso di esecuzione. «È mio intendimento - esordisce Pittino - stabilire un dialogo più puntuale e diretto con gli oltre 2.500 soci Secab nel perseguimento della massima trasparenza comunicativa. Il 13 luglio scorso il Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) dell'Italia è stato definitivamente approvato recependo la proposta della commissione europea e la nostra futura volontà è quella di sviluppare nuovi progetti ed ottimizzare le capacità produttive energetiche della cooperativa». Tra le cooperative elettriche storiche dell'arco alpino e la prima comunità energetica della Carnia, il 25 giugno Secab compiva i suoi 110 anni dalla costituzione. È attualmente proprietaria di cinque centrali idroelettriche ad acqua fluente, secondo un progetto di avanzata ecosostenibilità. Di grande valore l'eredità lasciata dalla precedente amministrazione. «In avvio l'attivazione della sesta centrale - conferma il neopresidente- e in allestimento una serie di impianti fotovoltaici, appositamente progettati, sulle superfici di edifici pubblici messi a disposizione di Secab dalle amministrazioni del comprensorio, nello spirito di collaborazione che anima l'Alta Valle del Bût. Quest'ultimo intervento prevede inoltre l'installazione di punti di ricarica per auto elettriche e bici a pedalata assistita. Sforzo doveroso in un'ottica di qualificazione ambientale ed energetica del territorio e di attrattività di investimenti». --